Giudiziaria Modica 23/02/2017 19:38 Notizia letta: 6404 volte

Muore il feto di una donna, condannato ginecologo del Maggiore

La vicenda è del 2010
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-02-2017/muore-feto-donna-condannato-ginecologo-maggiore-420.jpg

Modica - Un medico ginecologo dell'ospedale Maggiore di Modica è stato condannato per interruzione colposa di gravidanza di una gestante. Insieme a lui, era accusata dello stesso reato anche un'altra ginecologa, ma per lei è arrivata l'assoluzione. Il giudice monocratico del tribunale di Ragusa Vincenzo Saito ha assolto per non avere commesso il fatto Antonella Pediliggieri, la ginecologa di fiducia della parte offesa, e ha condannato il ginecologo dell’ospedale modicano Giovanni Abbattista ad un anno di reclusione ed al risarcimento dei danni.

Il pubblico ministero Monica Monego aveva invocato la condanna per il ginecologo a sei mesi. I fatti risalgono al 2010: la donna in stato di gravidanza, nonostante avesse eseguito circa 20 econograifie, secondo l’accusa i medici non avrebbero individuato in tempo la presenza del cosiddetto cordone nucale. In parole povere, la pericolosità del quadro clinico non sarebbe stato individuato in tempo e si era perciò  venuto a creare nel corso della gravidanza, questo grave problema: il funicolo ombelicale presentava cinque giri di cordone attorno al collo del feto.
 

La donna poi non fu ricoverata e non venne nemmeno monitorato lo stato del feto e decidere, eventualmente, un  parto cesareo d'urgenza. Tutto ciò ha provocato un'interruzione della gravidanza a causa di una sofferenza ipossica fetale. Il ginecologo del Maggiore si era difeso sostenendo di avere invano esortato la donna ad attendere il tempo necessario ad eseguire il tracciato per monitorare le condizioni del feto.

La ginecologa di fiducia, invece, avrebbe seguito correttamente la prassi suggerendo alla sua paziente il ricovero ospedaliero.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1511111429-3-torre.gif